Regione Lombardia

Coronavirus. Il messaggio del Sindaco Loukiainen

Pubblicato il 26 ottobre 2020 • Comunicazioni del Sindaco , Emergenza

Cari ronchesi,
torno ad aggiornarvi sull’andamento dell’epidemia da covid 19 nel nostro comune visto che la situazione, anche a Ronco, è cambiata in modo repentino nelle ultime due settimane.

Infatti, dopo mesi senza nuovi casi di persone positive al covid 19 comunicati dall’ATS e con il numero ufficiale fermo ai 25 casi di primavera scorsa, negli ultimi 15 giorni abbiamo avuto notizia ufficiale di ben 12 nuovi casi.

A questi si aggiungono le segnalazioni di positività che hanno portato alla messa in quarantena di due classi delle nostre scuole, la 2 A della primaria e la 2 A della secondaria.

Lo stesso importante aumento di casi si sta verificando negli altri comuni intorno a noi e nel Paese come abbiamo modo di sapere dagli organi di informazione.

Il governo centrale ha quindi varato nuove norme restrittive della vita sociale per cercare di arginare il diffondersi della pandemia. Misure che ci preoccupano perché creano difficoltà ulteriori a settori economici già provati come quello della ristorazione e molti altri. 

Dobbiamo evitare contatti il più possibile. Ci viene raccomandato di spostarci il meno possibile, solo per motivi validi. Le attività sportive, culturali ecc. sono in buona parte sospese. Dobbiamo indossare la mascherina, lavarci le mani frequentemente e mantenere la distanza di sicurezza.

E se, nonostante tutto, un bambino o ragazzo in famiglia risultasse positivo al covid 19, dobbiamo comunicare la cosa subito alla scuola in modo che la classe di appartenenza possa essere messa in quarantena immediatamente e i bambini/ragazzi rimangano in isolamento. Tutte le famiglie devono avere modo di comunicare alla scuola l’eventuale caso di positività anche durante i fine settimana. L’ATS poi seguirà la questione, ma la rapidità è fondamentale per cercare di interrompere la catena del contagio. 

In tutto questo bisogna prestare particolare attenzione alle fasce di popolazione più fragili: gli anziani e le persone con pregressi problemi di salute. Occorre raccomandare a loro di restare in casa e di farsi aiutare con la spesa e le altre incombenze. 

Resta attivo il numero comunale 334 1141124 dal lunedì al sabato dalle 9 alle 18, per informazioni e aiuto, rivolto soprattutto alle persone over 65.

La tanto temuta seconda ondata è attualità e dobbiamo affrontarla. Chiedo a voi tutti di seguire le misure di sicurezza scrupolosamente, e in caso di dubbio di mettervi in isolamento e chiamare il medico per indicazioni. 

Cordialmente,
Kristiina Loukiainen